CANZONI IN LIBERTAIn Nome del Vento

(Piantare la tenda è l’allegoria di “porre il pensiero su qualcosa”: sulla questione dei confini, su ciò che è vero e ciò che è falso, sul rapporto con la spiritualità (fra cielo e mare), sul denaro. Ma poi il pensiero non si può fissare rigidamente su una sola cosa, e ogni mattina si libera, in nome del vento.)

 

Piantai una tenda fra due cortili

divisi su carta su ferro e cemento

incontro animi primaverili

e muri che gridano un sordo lamento.

Rit: Ma quando l’alba a tratti si cuce

in un profumo di cenere e luce

raccolgo i pensieri e i miei progetti

e in nome del vento già tolgo i picchetti

Piantai una tenda tra il Bianco e il Nero

tra ciò che dicono sia Falso o Vero

tra ciò che dicono sia Bene o Male

si costruisce la mia morale

Rit

Piantai una tenda fra cielo e mare

che nello spirito fa innamorare

ma è più difficile pensare al cielo

quando cammini fra campi di melo

Rit:

Piantai una tenda fra due monete

che non ristorarono la mia sete

che non placarono la mia fame

che siano d’oro o che siano di rame

Rit:

© 2017 Copyright